In solitaria lungo il Sentiero Italia: Lorenzo Franco Santin e il "più lungo sentiero al mondo"

Posted on 25/07/2018

Marco Mietti, Community Manager di ViewRanger in Italia, ha recentemente incontrato Lorenzo Franco Santin a Lanciano, in Abruzzo, dove si è tenuta la proiezione del docu-film realizzato da Lorenzo per raccontare la sua incredibile impresa lungo il Sentiero Italia.

italy_person-min.jpg

In una sala gremita, Lorenzo alla giovane età di 28 anni presenta il suo docu-film e condivide con il pubblico le avventure vissute nel corso del primo e del secondo tentativo, questa volta riuscito, di portare a termine la sua impresa. In solitaria è stato il primo ad aver percorso gli oltre 6.000 KM del Sentiero Italia, il più lungo al mondo, ben oltre il Pacific Crest Trail negli Stati Uniti (4.279 KM) o il Cammino di Santiago (2.530 KM).

Il Sentiero Italia venne esattamente studiato negli anni ’80 e ’90 in collaborazione con il CAI per collegare idealmente tutte le Regioni d’Italia in un unico sentiero segnalato, dalla Sardegna alla Sicilia, lungo tutta la dorsale Appenninica e l’arco Alpino da Ovest fino a Trieste.

Sentiero Italia ViewRanger

Attraverso i racconti, le foto e i video scopriamo una straordinaria avventura, estremamente dura e persino difficilmente comprensibile.

Il docu-film portato nelle sale d’Italia e raccontato da Lorenzo in persona è sapientemente montato ed inizia dalla fine del primo tentativo. Nell’Ottobre del 2016 in Lombardia la via ferrata da percorrere è coperta di neve e ghiaccio. Lorenzo è costretto suo malgrado a rinunciare, dopo 4.500 KM deve abbandonare il suo progetto, è costretto a tornare indietro. La decisione benché corretta è molto sofferta e lo perseguiterà nei mesi a venire.

5 mesi dopo, nel Marzo del 2017, Lorenzo si accinge a partire di nuovo, sempre dall’inizio del Sentiero Italia: a Santa Teresa di Gallura nel Nord della Sardegna. Questa volta, facendo esperienza del precedente tentativo, riesce a ridurre ulteriormente l’equipaggiamento di base; l’obiettivo è quello di arrivare in fondo a tutti i costi andando più veloce e alzando la media dei chilometri percorsi ogni giorno. Decide di fare a meno di tenda e fornello e portare solo sacco a pelo e materassino, mangiando pane invece di pasta.

italy_gear-min.jpg

Significativa è l’immagine qui sopra e anche il video di Lorenzo che si appresta a partire indossando soltanto canottiera, pantaloncini corti e zaino sulle spalle. Il peso dello zaino è di circa 9 KG e contiene solo pochi indumenti, una borraccia da litro, bastoni da trekking, lampada frontale e oggetti vari per la cura personale. Nessuna carta escursionistica, ne sarebbero servite troppe, tutto è racchiuso nell’unico dispositivo elettronico che porta con sé: il suo fidato smartphone, che utilizzerà per registrare la traccia, geolocalizzarsi su mappa, comunicare con il mondo, controllare le previsioni meteo, per fare foto e registrare tutte le riprese che compongono il docu-film.

Le immagini sono eccezionali come straordinario è il pensiero di camminare ogni giorno per mesi accumulando stanchezza e chilometri, fermo nell’intenzione di non pagare per acqua e alloggio, cercando fonti e rifugi aperti, pronto a dormire anche all’aperto, acquistando viveri e scorte e chiedendo di poter ricaricare smartphone e batterie nei piccoli centri attraversati dal Sentiero Italia.

Non è stato affatto facile, Lorenzo si sofferma sulla forza mentale necessaria per procedere. Le variabili sono ovviamente tantissime: il dislivello quotidiano e le condizioni del Sentiero, il meteo di ogni giorno e del periodo dell’anno, gli imprevisti lungo il percorso. Sono puntuali quasi tutti i giorni, come a comporre un diario, i video che Lorenzo registra a tutte le ore del cammino: per farsi coraggio, condividere lo splendore dei luoghi attraversati, superare attimi di sconforto e raccontare la sua personale quotidianità mentre si trova là fuori a camminare per tutta Italia.

#wakeupandexplore è il suo motto, a significare il risveglio personale che diventa esplorazione di luoghi e della propria vita.


Attraverso Sicilia e Sardegna, accumulando dislivello e chilometri su Aspromonte, Gran Sasso, Sibillini, Alpi Apuane e Piemontesi, dopo aver superato il punto critico che lo aveva costretto a rinunciare l’anno prima, Lorenzo affronta la parte di Sentiero Italia che ancora non conosceva e finalmente il 25 Agosto raggiunge Trieste e la frazione di Lazzaretto, al confine fra Italia e Slovenia (visibile nella mappa qui sotto). In 114 giorni di cammino riesce a coprire una distanza di 6.166 KM ad una media di 54 KM al giorno. È ufficialmente il primo ad aver interamente percorso il Sentiero Italia.


 

SEGUI LORENZO

Durante il suo incredibile cammino Lorenzo Franco Santin ha usato l’app ViewRanger sul suo smartphone per controllare le mappe, registrare tracce e condividere in tempo reale la sua posizione con BuddyBeacon. Questo è il suo profilo: http://my.viewranger.com/user/details/2159034

Per scoprire di più su Lorenzo, la sua attività di fotografo e le prossime date di presentazione del suo docu-film visita il sito: http://lorenzofrancosantin.com/.


I NUMERI DELL’IMPRESA

400.000+ metri di dislivello

6.166 KM percorsi

114 giorni

54 chilometri di media giornaliera

6 paia di scarpe


Previous Post

Next Post